Uroflussometria - Informazioni, specialisti, domande frequenti.

Informazioni su Uroflussometria

L’uroflussometria è una procedura urodinamica semplice e poco invasiva, che consiste nel procedere con un’accurata misurazione del flusso minzionale, che viene rappresentato in forma grafica.

L’esame  consente una valutazione della qualità della minzione (se il flusso è cioè normale o indebolito).

Per procedere con la misurazione, viene richiesto al paziente di urinare in uno strumento specifico (il flussometro) che ha le sembianze di un comune water ma che è dotato di tecnologia elettronica in grado di effettuare la misurazione del flusso minzionale (quantità di urina espulsa in una data unità di tempo) e trasmettere i dati da riprodurre in forma grafica.

Per una corretta riuscita dell’esame è importante che la minzione sia naturale e provenga da un normale stimolo a urinare: se la vescica è troppo piena o troppo vuota, il dato ricavato dalla misurazione potrebbe essere non attendibile.

L’ideale è presentarsi all’esame di uroflussometria con vescica piena, ma non esageratamente. Una corretta preparazione prevede di urinare al massimo fino a un’ora prima dell’esame e bere immediatamente dopo almeno mezzo litro di acqua non gassata, in modo tale da riempire bene la vescica e poterla mantenere fino al momento dell’esecuzione dell’esame uroflussometrico. Va detto che il maggiore o minore riempimento della vescica può dipendere da vari fattori circostanziali (uso di farmaci, temperatura esterna, quantità di acqua o liquidi assunta, stress, etc.).

Nei giorni precedenti il rilevamento, il paziente può assumere i farmaci che prende normalmente e anche eventuali integratori di sali minerali.

Terminata la procedura, l’urologo provvederà a valutare tramite ecografia il quantitativo di “residuo post-minzionale”, cioè la quantità di urina rimasta in vescica dopo aver urinato.

L’esame di uroflussometria è funzionale a diverse diagnosi, in quanto l’alterazione del flusso minzionale rientra nella sintomatologia di diverse patologie, tra cui:

  • Infezioni urinarie;

  • Disfunzioni neurologiche della vescica;

  • Ipertrofia prostatica benigna;

  • Carcinoma vescicale;

  • Carcinoma prostatico.

Esperti in uroflussometria

Trova esperti in Uroflussometria nella tua città:
Cristian Pultrone

Cristian Pultrone

Andrologo, Urologo

Casalecchio di Reno

Prenota ora
Fabrizio Iacono

Fabrizio Iacono

Urologo, Andrologo

Napoli

Prenota ora
Giuseppe Dalena

Giuseppe Dalena

Urologo, Andrologo

Santa Maria Capua Vetere

Prenota ora
Marco Giandotti

Marco Giandotti

Urologo, Chirurgo generale

Roma

Prenota ora
Andrea Loreto

Andrea Loreto

Andrologo, Urologo

Guastalla

Prenota ora

Domande su Uroflussometria

I nostri esperti hanno risposto a 6 domande su Uroflussometria

solitamente è preferibile eseguire tale esame lontano da processi infettivi che potrebbero evidenziare dei fenomeni di vescica iperattiva legati esclusivamente al problema di tipo infettivo…
5 risposte
Dr. Carlo Pianon
Dr. Carlo Pianon
Andrologo, Urologo
Mestre
Il residuo può' variare a seconda dei momenti e di come viene misurato va sempre interpretato nel contesto.
3 risposte
Dr. Diego Pozza
Dr. Diego Pozza
Urologo, Chirurgo generale, Andrologo
Roma
caro lettore, ogni specialista utilizza nomi ed aggettivi personali. uroflussimetria è stata proposta proprio per dare un valore numerico ben preciso e riproducibile e confrontabile nel tempo…
3 risposte

Quali professionisti effettuano Uroflussometria?

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.