Massimo La Russa, ortopedico Torino

Dott. Massimo La Russa

Ortopedico


Indirizzi (2)

Via Brichetto 5, Camerano Casasco
Studio Privato La Russa

Calendario online non attivo


Assegno

Non hai trovato sul profilo dello specialista le informazioni che cercavi?

Mostra altri ortopedisti nelle vicinanze
Largo Filippo Turati, 62, Torino
Ospedale Mauriziano "Umberto I"

Calendario online non attivo


Carta di debito

Appuntamento standard

Infiltrazione • da 50 €

Prima Visita • da 120 € +2 Altro


Non hai trovato sul profilo dello specialista le informazioni che cercavi?

Mostra altri ortopedisti nelle vicinanze

Esperienze

Su di me

Medico Chirurgo, specialista in Ortopedia e Traumatologia.
Specializzato nella chirurgia protesica dell'anca e del ginocchio.



Prestazioni e prezzi

Appuntamento standard


Via Brichetto 5, Camerano Casasco

Prezzo non disponibile

Studio Privato La Russa


Largo Filippo Turati, 62, Torino

Prezzo non disponibile

Ospedale Mauriziano "Umberto I"


Infiltrazione


Largo Filippo Turati, 62, Torino

da 50 €

Ospedale Mauriziano "Umberto I"


Prima Visita


Via Brichetto 5, Camerano Casasco

Prezzo non disponibile

Studio Privato La Russa


Largo Filippo Turati, 62, Torino

da 120 €

Ospedale Mauriziano "Umberto I"


Visita a domicilio


Via Brichetto 5, Camerano Casasco

Prezzo non disponibile

Studio Privato La Russa


Largo Filippo Turati, 62, Torino

da 200 €

Ospedale Mauriziano "Umberto I"


Visita di controllo


Via Brichetto 5, Camerano Casasco

Prezzo non disponibile

Studio Privato La Russa


Largo Filippo Turati, 62, Torino

Prezzo non disponibile

Ospedale Mauriziano "Umberto I"

Recensioni

Hai avuto una visita con Dott. Massimo La Russa?

Scrivi una recensione, parla della tua esperienza. Centinaia di pazienti ti saranno grati!

Scrivi una recensione

Risposte ai pazienti

ha risposto a 8 domande da parte di pazienti di MioDottore


  • Ho saputo che ha operato un amico di anca con una protesi piccola potrei sapere qualcosa in merito?

    Esistono vari tipi di protesi "piccole", da quelle con uno stelo femorale un po' più corto rispetto allo standard a quelle a conservazione del collo femorale sino alle protesi di superficie. Il discorso è molto lungo e complesso, per darle una risposta assai semplicistica posso dirle che le protesi di superficie hanno un'elevata percentuale di fallimenti, quelle a stelo corto sembrano comportarsi bene (anche se non esistono ancora dati a lungo termine paragonabili ad alcuni steli tradizionali). Talvolta l'utilizzo di steli più corti può essere legato anche alla maggior semplicità di posizionamento utilizzando vie d'accesso miniinvasive (anche queste molto pubblicizzate ma certamente non migliori rispetto a quelle "tradizionali").
    Io personalmente mi affido solo ad impianti standard (che hanno follow up superiore ai 25 anni) o a steli un po' più corti, nulla di più estremo per i maggiori rischi di fallimento e minori garanzie di durata.

    Dott. Massimo La Russa

  • Buona sera,vorrei sapere cosa significa il termine “segni di coxartrosi bilaterale con fenomeni di sclerosi del tetto e prominenza del ciglio acetabolare.” Grazie

    Significa che c’é un’artrosi, verosimilmente non troppo avanzata, di entrambe le anche.

    Dott. Massimo La Russa

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.

Esperienze

Su di me

Medico Chirurgo, specialista in Ortopedia e Traumatologia.
Specializzato nella chirurgia protesica dell'anca e del ginocchio.



Specializzazioni

  • Ortopedia e traumatologia del sistema motorio

Pubblicazioni e articoli