Sono anziana e ho subito diversi interventi chirurgici, asportazione di un rene e uno alla colonna v

7 risposte
Sono anziana e ho subito diversi interventi chirurgici, asportazione di un rene e uno alla colonna vertebrale dove mi hanno messo viti, poi altri meno importanti.Ogni volta che venivo operata dovevo stare in riposo specialmente per quello alla colonna.Prima di questi interventi camminavo molto ogni giorno piuttosto velocemente e non avevo problemi di peso ero sottile.Adesso mi ritrovo con 22 Kg. di peso in più. Con forti dolori alla schiena che mi costringono a stare ferma.Morale, sono aumentata 22 Kg , mangio pochissimo perchè non ho mai il desiderio di mangiare.Come è possibile questo aumento di peso?Dovrei camminare molto per perdere peso, camminare molto non riesco sia per il mal di schiena sia per il peso che devo portare.Cosa potrei fare, devo dimagrire per forza.Potete darmi un consiglio ?Sono disposta a tutto! Grazie Carla
Buongiorno Carla, sembra che gli interventi subiti l'abbiano costretta a repentini cambiamenti nel suo stile di vita che hanno avuto importanti conseguenze sulla sua fisicità ma anche sulla percezione che ha di se stessa. Potrebbe provare a consultare un dietologo che le possa indicare la strada migliore per perdere peso in modo adeguato alle sue esigenze e alla sua età, e farsi supportare da uno psicoterapeuta per gestire questo senso di avvilimento che probabilmente sta creando in lei un circuito di risposte negative che possono influenzare molto i suoi stati d'animo e le sue risorse. Un caro saluto Dott.ssa Elisa Galantini

Risolvi i tuoi dubbi grazie alla consulenza online

Se hai bisogno del consiglio di uno specialista, prenota una consulenza online. Otterrai risposte senza muoverti da casa.

Mostra gli specialisti Come funziona?
Cara signora, ha pensato di praticare qualche sport in acqua? Compatibilmente con la sua mobilità residua, può trovare l'attività giusta senza gravare sulla colonna.
Ovviamente utile un consulto nutrizionale sulla "qualità" degli alimenti che consuma, rispetto alla sola quantità.
Mangiare troppo poco può concorre a rallentare il metabolismo insieme all'inattività.

Gentile signora, interventi chirurgici così importanti sono spesso causa di altrettanto importanti cambiamenti nello stile di vita. Adattarsi non è sempre facile e per raggiungere un nuovo “equilibrio” talvolta è necessario pazientare, avere fiducia e reinventarsi. Sicuramente perdere peso l’aiuterebbe, non soltanto ad alleggerirsi ed a muoversi meglio, ma anche recuperare un po’ di fiducia ed ottimismo.
In bocca al lupo, saluti,
dottoressa Garozzo

Buonasera signora, le chiederei quanti anni ha e quanto tempo fa è stata sottoposta a questi interventi chirurgici. A seconda delle sue risposte la mia opinione potrebbe variare comunque in linea generale cambiare le proprie abitudini soprattutto quando imposto da una condizione fisica e quindi senza averlo deciso autonomamente può risultare una sfida per la vita di una persona. C'è tutto un equilibrio che va ricreato ma l'atteggiamento verso la ricerca di questo nuovo equilibrio può essere colorata di frustrazione e pessimismo o come un'occasione di sperimentare e portare qualcosa di nuovo nella nostra vita. Spesso questo fa la differenza nella qualità di vita e anche nei risultati che si ottengono. Per quanto riguarda i consigli specifici ortopedici e dietetici o geriatrici vedo che ci sono dei suggerimenti interessanti. In bocca al lupo

Salve Carla,
se mangia poco ma ingrassa probabilmente bisogna indagare sui motivi, che non necessariamente saranno biologici. Le consiglio di fare dei controlli con degli specialisti, ma anche di valutare la possibilità che tutte queste esperienze traumatiche abbiano avuto delle ripercussioni sul suo sistema mente-corpo, che come saprà sono collegati. Dovrebbe, se non lo ha fatto, prendersi cura anche degli aspetti emotivi e delle implicazioni psicologiche di tutto ciò che ha passato. Quindi le consiglio di rivolgersi ad una psicologa/o per approfondire questi aspetti. Se lo desidera può farmi delle domande in chat. Le auguro buona giornata.Dott.ssa Manuela Di Leonardo

Carissima Carla, ha subito operazioni sicuramente invasive e non prive di conseguenza importanti sul piano psicologico perché l'aumento del peso, a cui prima non era abituata, ha modificato la percezione che ha di se stessa. Quali fattori incidono sul desiderio di mangiare? Quali erano prima le sue abitudini alimentari? e dopo? Quale tipo di desiderio è sottostante al "devo dimagrire per forza"? Sono alcuni degli aspetti che potrebbe affrontare attraverso un percorso online con psicologo, oltre che contattare un nutrizionista che possa guidarla in un percorso appropriato e personalizzato. Per la consulenza psicologica, può contattarmi se lo desidera, sono disponibile tramite Skype. Un caro saluto

Cara Carla buongiorno. I consigli dati sopra sono molto importanti, sopratutto quello della dr.ssa Lombardi (sopra). ovviamente prima cdi intraprendere questo percorso faccia una visita specialistica per comprendere quali esercizi può fare. Le assicuro che ce sono molti. Vedo molti disabili (anche persone in carrozzina), anche piuttosto gravi dal punto di vista del movimento, ma fortunatamente con un piano personalizzato riescono a fare la loro ora di esercizio, che oltre a migliorare il metabolismo, rendono la persona più serena e quindi più 'forte' nell'affrontare i piccoli obbiettivi (sempre più grandi) giornalieri per arrivare alla fine del percorso soddisfatti e migliorati.
Partire dal presupposto 'devo dimagrire per forza' forse non è la motivazione più importante. Deve iniziare un cammino di consapevolezza del suo 'nuovo corpo' e imparare a gestire le emozioni negative, con l'aiuto di uno psicologo, fisioterapista e dietologo/nutrizionista. Quest'ultimo è molto molto importante perchè mangiare poco e male è forse peggiore che mangiare tanto. La sedentarietà e la quantità ridotta di alimenti, creano una situazione di stallo, perchè il nostro organismo privato di un equilibrio alimentare, si ferma, ed in pratica va in 'riserva' -scusi il termine poco professionale, ma vorrei farle capire bene il meccanismo- cioè non brucia più le calorie introdotte (anche se poche) ... rischiando quindi una sindrome dismetabolica.
Concludendo quindi consigliandole di effettuare una visita ( forse ai medici che ho citato sopra potrei aggiungere un endocrinologo) e farsi supportare psicologicamente in questa fase di cambiamento, che da come lei la descrive, sembra avere un forte impatto ( anche giustificato!).
A disposizione.
Un caro saluto e vedrà che se segue i consigli miei e dei medici sopra risolverà il suo problema prima di quanto si immagini.
Livia

Esperti

Marta Angellini

Marta Angellini

Psicoterapeuta

San Giorgio di Piano

GIUSEPPE SPECIALE

GIUSEPPE SPECIALE

Psicoterapeuta, Psicologo

Trentola-Ducenta

Claude Bettanini

Claude Bettanini

Psicologo

Genova

Rossella Cubeddu

Rossella Cubeddu

Psicologo, Psicoterapeuta

Firenze

Francesco Benincasa

Francesco Benincasa

Internista, Neurologo

Torino

Giuseppe Greco

Giuseppe Greco

Internista, Diabetologo, Medico di base

Torino

Domande correlate

Vuoi inviare una domanda?

I nostri esperti hanno risposto a 203 domande su Depressione

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.

  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.

Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.