Salve. A inizio gennaio ho avuto una brutta distorsione in inversione alla caviglia sx. Dopo vari problemi a livello osseo e tendineo, ora riscontro i seguenti problemi: pratico sport da combattimento e in allenamento corriamo scalzi. Su fondo semi duro ho fitte/fastidì sul dorso dei piedi. Facendo un esame barapodometrico risulta alterata la postura. Possibile che questa alterazione provochi tali fitte/dolori?
Buongiorno,
sarebbe utile sapere di quale grado è la distorsione per capire quanti e quali legamenti siano stati interessati e/o lesionati. Se non è stata trattata la distorsione è certamente possibile che l'articolazione sotto-astragalica e la tibio-tarsica siano interessate, condizionando l'elica podalica e quindi il movimento elastico del piede. Consiglio di affidarsi a un bravo osteopata della sua zona e contemporaneamente di lavorare con una tavoletta propriocettiva per ripristinare la sensibilità di caviglia e piede nel micromovimento.
Cordiali saluti.

Dott. Leopoldo Levi
Dott. Leopoldo Levi
Osteopata, Posturologo
Milano
Se la distorsione, che lei riporta essere grave, non è stata trattata in modo adeguato (trattamento dell'infiammazione, recupero propriocettivo, aumento progressivo del carico) può essere che il dolore che sente sia più a carico dei legamenti e dei tessuti circostanti. In una distorsione il sistema muscolo-fasciale tende a "contrarsi" a protezione dell'articolazione, perdendo così in disponibilità di movimento e modificando la capacità di controllo propriocettivo dell'articolazione stessa
Alla lunga questo può provocare schemi errati nell'appoggio sia statico che dinamico.
La prima cosa da fare sarebbe, se non è stato fatto, recuperare in modo efficiente dagli esiti distorsivi.
Il solo esame barapodometrico non è indicativo di un vero malfunzionamento dell'assetto podalico: l'impronta lasciata dal piede è il frutto di tutta una serie di aggiustamenti al carico estremamente individuali, la cui modificazione, senza accurata valutazione in scarico, attraverso componenti esterne come solette o rialzi, può portare a un ulteriore sovraccarico di tutto il sistema.
Mi affiderei dunque a un buon fisioterapista per la valutazione dell'entità della distorsione, o comunque in generale a una figura, anche osteopata o podologo, competente in tutto ciò che riguarda la funzione del piede oltre al solo appoggio sulla pedana.

Buonasera, sono d'accordo con i miei colleghi, mancano dati significativi per capire la situazione attuale, dal grado e tipo di distrosione al tipo di riabilitazione e riatletizzazione che è stata fatta. Spesso nelle distrosioni in inversione (piede verso l'interno), si creano adattamenti e compensi, sia muscolari che articolari, che alterano la normale funzionalità delle strutture muscolo-scheletriche in loco e di tutto il corpo. Da come descrive il dolore e la localizzazione potrebbe esserci un interessamento della capsula articolare dell'articolazione tibio-tarsica, (non l'ha scritto ma credo che il dolore ci sia durante la flessione dorsale del piede). Questo avviene frequentemente nelle distorsioni non trattate accuratamente e nelle recidive. In ogni caso, le consiglierei un terapista manuale (fisioterapista o osteopata) al fine di fare un'accurata valutazione con test manuali specifici e impostare il corretto iter terapeutico. Per chiarimenti e domande a disposizione. Cordiali saluti

Buonasera,
Dai dati non sufficienti estrapolati dal suo caso, non credo che vi sia una lesione legamentosa, sarebbe comunque opportuno accertarlo tramite ecografia prima di affidarsi ad un qualsiasi terapista.
Essendo traumatico, credo che qualsiasi indagine posturale debba partire dalle articolazioni del piede, il rachide e le restanti articolazioni dell'arto risulterebbero compensi/adattamenti posturali.
Mi sembra che il dolore sia bilaterale, se di caratteristiche simili tra i due piedi ci si potrebbe orientare piú su un'alterazione posturale, oppure dolori legati a cause differenti.
Cordialmente.


Buongiorno,
le consiglio di effettuare una visita da un osteopata, che nel caso ci siano lesioni, le indicherá un ortopedico. In caso contrario con qualche seduta di osteopatia dovrebbe sistemare il suo problema.
Da quello che descrive è probabile che ci sia stato uno stress traumatico del medio piede durante la distorsione (scafoide, cuboide, cuneiformi) che le provocano attualmente dolore durante l'appoggio traumatico (corsa su terreno duro e senza sostegno della suola, scalzo).
Le auguro una pronta guarigione.
Rimango a disposizione.
Luca Bocchi.

Specialisti per Distorsione

Giuseppe Simonetti

Giuseppe Simonetti

Fisioterapista, Osteopata

Oristano

Paolo Piga

Paolo Piga

Chirurgo generale

Varese

Giorgia Villa

Giorgia Villa

Osteopata

Vercelli

Salvatore Scarpulla

Salvatore Scarpulla

Osteopata

Firenze

Anna Maria Giammona

Anna Maria Giammona

Agopuntore, Ortopedico

Catania

Vincenza Vanessa Di Mario

Vincenza Vanessa Di Mario

Fisioterapista

Sanremo

Vuoi inviare una domanda?

I nostri esperti hanno risposto a 1 domande su Distorsione

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.

  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.

Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.