Salve,

da diversi anni accuso saltuariamente ( 2-4 episodi l'anno) di dolori o meglio di una fitta che dalla zona epigastrica/destra si irradia verso la spalla destra. Nella fase acuta il dolore aumenta con l'inspirazione e soprattutto la sera e non trovo nessuna correlazione con i pasti, nessun bruciore e niente vomito. Avverto il dolore fortissimo nella zona dell'epigastrio/destro non appena ho la contrazione muscolare per eruttare.
Ho avuto un miglioramento di tale episodi dopo la scoperta della duodenite e celiachia. Ma credo che oltre alla celiachia ho qualche altro problema. Vi chiedo che tali sintomi possano indicare altre patologie.
Grazie!
Dr. Luano Fattorini
Dr. Luano Fattorini
Chirurgo generale, Gastroenterologo, Medico di base
Livorno
Potrebbero indicare il coinvolgimento della colecisti (calcoli, colecistite, aderenze, ecc..) o di altre strutture vicine, oppure un'ernia epigastrica. Le consiglio di effettuare una ecografia addominale e una visita chirurgica dell'addome. Saluti.

Dott. Giuseppe Santagati
Dott. Giuseppe Santagati
Chirurgo generale, Proctologo, Gastroenterologo
Endine Gaiano
ha mai fatto un'ecografia addominale per vedere se in realtà questa è una colica biliare?

Dr. Claudio Zulli
Dr. Claudio Zulli
Gastroenterologo, Epatologo
Salerno
Gentilissimo,
innanzitutto è fondamentale una dieta adeguata per la celiachia.
In ogni caso, tali sintomi possono essere indicativi di numerose patologie che vanno dall'apparato oste-articolare al distretto muscolare, alla colecisti, alle vie biliari, al pancreas, alla disfunzione dello sfintere di Oddi. è importante che si rivolga allo specialista gastroenterologo più vicino a lei per una più attenta valutazione diagnostico-terapeutica.

Dr. Carlo Iachino
Dr. Carlo Iachino
Proctologo, Chirurgo generale, Gastroenterologo
Genova
Da quanto mi descrive, dolore che si irradia anche alla spalla destra, le consiglierei di eseguire un'ecografia epatica, per verificare che non ci sia in atto anche una calcolosi della colecisti ed una gastroscopia per escludere l'eventuale presenza di un'ernia hjatale

Dott. Sebastiano Siringo
Dott. Sebastiano Siringo
Gastroenterologo, Epatologo, Internista
Pachino
Raramente dolori che si presentano con la frequenza da Lei riferita, 2-4 volte l'anno, sono espressione di una malattia. L'area addominale alla quale Lei fa riferimento è anche pertinenza del colon. In tal caso, spesso, l'eliminazione dell'aria con la flatulenza o la defecazione alleviano, anche s e transitoriamente, il disturbo. Se Lei riconosce nei suoi disturbi questo meccanismo di riduzione dell'intensità della sintomatologia, con elevata possibilità, il disturbo proviene dal colon e, nella grande maggioranza dei casi, non è espressione di malattia ma di una transitoria alterazione motoria del colon stesso.

Specialisti per Visita Gastroenterologica

Federica Maria Carola

Federica Maria Carola

Agopuntore, Gastroenterologo, Nutrizionista

Milano

Prenota ora
Agostino La Bella

Agostino La Bella

Gastroenterologo, Dietologo, Nutrizionista

Roma

Prenota ora
Sebastiano Siringo

Sebastiano Siringo

Gastroenterologo, Epatologo, Internista

Pachino

Prenota ora
Isabella De Felici

Isabella De Felici

Gastroenterologo

Roma

Prenota ora
Franco Brunello

Franco Brunello

Epatologo, Gastroenterologo

Torino

Prenota ora
Michele D'Ambra

Michele D'Ambra

Chirurgo generale, Proctologo, Gastroenterologo

Giugliano in Campania

Prenota ora

Domande correlate

Hai domande?

I nostri esperti hanno risposto a 18 domande su Visita Gastroenterologica

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.