Dopo 3 infezioni urinarie in 5 mesi mi sono stati prescritti 3 mesi di antibiotici, nitrofurantoina 100 mg ogni sera. Non mi sono stati fatti esami particolari eccetto un urino cultura per stabilire il batterio infettante, E.Coli. Sono un po’ preoccupata di dover prendere antibiotici per un così lungo periodo, anzi mi è stato detto che molto probabilmente dovrò prendere un altro antibiotico per altri 3 mesi. Ho 46 e mi Han detto che può essere comune nelle donne della mia età avere infezioni urinarie ricorrenti. Sono preoccupata perché non so cosa possa essere la causa di tali infezioni.
Grazie mille
Prof. Carlo Rando
Prof. Carlo Rando
Andrologo, Chirurgo generale, Urologo
Milano
Sarebbe utile che oltre alla coltura urinaria, meglio se con urina prelevata con catetere (serve a vedere se è di derivazione interna o di derivazione vulvo-vaginale), che venga svolta una attenta valutazione della sua uretra (calibratura): accade che un'uretra un poco stretta favorisca continue infezioni. Ho seri dubbi che lunghi mesi di antibiotico servano a qualcosa e certamente indurranno pesanti resistenze batteriche, oltre a squilibrare l'intero organismo per alterazione della flora batterica utile.

Dott. Antonio Di Girolamo
Dott. Antonio Di Girolamo
Urologo, Andrologo, Sessuologo
Roma
Utile, più che terapie antibiotiche così lunghe, sarebbe valutare la sua dinamica urinaria (svuota bene? c'è residuo urinario?ci sono degli ostacoli a valle? ), e prendersi cura della sua flora batterica intestinale in toto. Una corretta anamnesi fisiologica patologica e farmacologica presso uno specialista potrebbero favorire il miglior approccio diagnostico terapeutico per il suo caso.

Gentile utente,
la causa come ha detto lei stessa è l'E. Coli che può causare cistiti croniche. Non ritengo corretta l'informazione che le hanno dato (alla sue età sono comuni le infezioni).
Le terapie prolungate così a lungo non hanno razionale. Le consiglio una terapia antibiotica mirata (15 gg) per E. Coli secondo antibiogramma fatto verosimilmente durante urinocoltura poi una sospensione di ogni terapia per 20 giorni e ripetizione di urinocoltura.
Sarebbe tutto molto più semplice se si facesse seguire da un urologo.
Cordiali saluti

Dott.ssa Annarita Colonna
Dott.ssa Annarita Colonna
Chirurgo generale, Agopuntore, Omeopata
Milano
Buonasera, non concordo con le terapie antibiotiche per tutto quel tempo... meglio indagare su tutta la funzionalità dell'apparato urinario e vedere se vi sono calcoli o inginocchiamenti dell'uretere.Senta l'urologo.
Cordiali saluti.
Dott.ssa Colonna

Dott. Francesco Godino
Dott. Francesco Godino
Nefrologo
Taranto
ma una ecografia dell'addome completo l'ha fatta ?

Specialisti per Infezione delle vie urinarie

Bruno Gianoglio

Bruno Gianoglio

Pediatra, Nefrologo

Torino

Massimo Abbondanza

Massimo Abbondanza

Ginecologo, Sessuologo

Torino

Maurizio Melis

Maurizio Melis

Urologo, Andrologo

Cagliari

Roberto Passaro

Roberto Passaro

Ginecologo

Napoli

Fabio Perricone

Fabio Perricone

Ginecologo, Ostetrica

Napoli

Gerardo Naddeo

Gerardo Naddeo

Medico estetico, Medico di base

Viterbo

Domande correlate

Vuoi inviare una domanda?

I nostri esperti hanno risposto a 36 domande su Infezione delle vie urinarie

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.

  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.

Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.