Donna 54 anni con Rizoartrosi da 3 giorni trattata con arcoxia 120 mmg.: che tempi di recupero ci si

4 risposte
Donna 54 anni con Rizoartrosi da 3 giorni trattata con arcoxia 120 mmg.: che tempi di recupero ci si può attendere?
Prima di tutto il dosaggio è eccessivo. 120 mg in genere si usa solo per Artrite Reumatoide. Basta il 60 mg. Il trattamento farmacologico della rizoartrosi è solo sintomatico e spesso da risultati scarsi. Personalmente utilizzo inf con acido ialuronico a basso dosaggio solo in stadio iniziale (1 di Dell). Dallo stadio 2 in poi il trattamento è chirurgico. Personalmente ho trattato oltre 500 caso con EMI trapeziectomia o trapeziectomia totale con tenosodpensione biologica del gran palmare o di un fascio di abduttore lungo con ottimi risultati e ripresa della normale attività lavorativa in tutti i casi trattati. Ovvio che la soluzione chirurgica va riservata in pazienti con esigenze funzionali o con dolore importante. A proposito del dolore come antalgico puro nel dolore importante consiglio naloxone.

Risolvi i tuoi dubbi grazie alla consulenza online

Se hai bisogno del consiglio di uno specialista, prenota una consulenza online. Otterrai risposte senza muoverti da casa.

Mostra gli specialisti Come funziona?
Mi associo alle considerazioni del dr. Gobbi. il tratamento conservativo (con farmaci anti-infiammatori a dosaggi per periodi di trattamento variabili) può dare spesso risultati insoddisfacenti, perché l'articolazione della base del pollice e è sottoposta a sollecitazioni notevoli e continue. Se la paziente desidera perseguire nel trattamento conservativo, consiglio di utilizzare degli splint di immobilizzazione che possono essere confezionati su misura con particolari materiali "termoplastici" e consentono anche l'utilizzo durante gran parte delle attività manuali.
In associazione agli splint anche una eventuale infiltrazione con depomedrol! Ma va sempre ovviamente valutato lo stadio della malattia .
La Rizoartrosi è una malattia cronica dell'articolazione che sta alla base dei movimenti del pollice. L'uso degli antiinfiammatori come l'Arcoxia può dare una riduzione temporanea della sintomatologia dolorosa ma non modifica purtroppo l'evoluzione della malattia che tende a progredire. A seconda della gravità dei sintomi, della loro durata e dello studio radiografico della malattia artrosica si può impostare un programma terapeutico che può prevedere l'uso di un tutore, di terapia fisica, di antinfiammatori, di infltrazioni articolari e infine un trattamento chirurgico.

Esperti

Adriano Santospagnuolo

Adriano Santospagnuolo

Fisiatra, Agopuntore

Frosinone

Manuela Bordoli

Manuela Bordoli

Agopuntore, Anestesista, Chirurgo generale

Como

Diego Italo Emilio Bonetti

Diego Italo Emilio Bonetti

Medico dello sport, Psicoterapeuta

Milano

Maurizio Tosca

Maurizio Tosca

Internista, Medico di medicina generale, Anestesista

Milano

Pasquale Sgambati

Pasquale Sgambati

Chirurgo generale, Medico di medicina generale

Roma

Enrico Rizza

Enrico Rizza

Geriatra, Internista, Anestesista

Genova

Domande correlate

Vuoi inviare una domanda?

I nostri esperti hanno risposto a 2 domande su Rizoartrosi
  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.
  • Per ragioni mediche, non verranno pubblicate informazioni su quantità o dosi consigliate di medicinali.

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.


Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.