Buonasera , 3 mesi fa ho avuto una frattura al 5 metatarso composta, dopo 30 giorni di tutore ho fat

6 risposte
Buonasera , 3 mesi fa ho avuto una frattura al 5 metatarso composta, dopo 30 giorni di tutore ho fatto visita fisiatra cn ciclo di magnetoterapia e fisioteria più calza elastica (consigliata dal fisiatra) ma ancora zoppico e fa male il piede laterale e la caviglia
Buonasera! Una frattura al 5 metatarso immobilizzata per 30 giorni, nonostante sia composta, comporta una serie di situazioni da tenere in considerazione per il recupero: la presenza di un edema se pur piccolo che può rimanere per qualche tempo dopo aver tolto il tutore; lo squilibrio posturale che nel frattempo può essersi creato; infiammazioni dei tendini o dei legamenti piu o meno prossimi al punto della frattura; un' alterata funzionalità della pompa muscolare linfatica che rallenta l 'assorbinento di in eventuale gonfiore...e cisi via.A parte la magneto terapia, non ha specificato su cosa si sono concentrate le fisioterapia. In ogni caso dovrebbero, a mio avviso , comprendere quanto sopra detto. Tutto ciò non sempre è possibile con un solo ciclo di fisioterapia ( anche se non ha indicato ne la durata ne la frequenza)e a volte richiede variazioni nella frequenza delle terapie allo scopo di permettere il recupero nei tempi e nelle modalità più adeguate al caso specifico. Grazie.

Risolvi i tuoi dubbi grazie alla consulenza online

Se hai bisogno del consiglio di uno specialista, prenota una consulenza online. Otterrai risposte senza muoverti da casa.

Mostra gli specialisti Come funziona?
Le consiglio una visita osteopatica per capire se c’è bisogno di intervenire su qualche struttura (ginocchio, anca, colonna o altro) che sta impedendo al sistema di riprendersi al 100%. Cordiali saluti.

Salve
Una frattura in quel punto purtroppo può aver bisogno di tempo perchè incide molto sulla postura e quindi ci vuole una riabilitazione anche propriocettiva e come diceva il collega una visita da un fisioterapista può verificare se ci sono disfunzioni da sbloccare che incidono sul sintomo che ancora ha.
Saluti

la prolungata immobilizzazione del piede possono rappresentare la causa di sintomi che si manifestano altrove legati a compensi che il corpo ha messo in atto per sopperire alla difficoltà della deambulazione. in questi casi è necessario controllare se nel piede ci siano dei blocchi articolari che impediscano alla struttura un corretto appoggio plantare e svolgimento dello schema del passo, oltre ad un trattamento posturale globale per eliminare qualsiasi disfunzione che le causano la zoppia

Buonasera, in seguito ad una frattura del quinto metatarso con relativa immobilizzazione può succedere che serva del tempo. Faccia una visita specialistica ortopedica di controllo e continui la fisioterapia.
Un caro saluto

Salve sarebbe opportuna un’attenta valutazione per capire se ci sono deficit di mobilità o altre problematiche. Magari semplicemente si tratta di dover abituare gradualmente al carico quella struttura che è stata infortunata e immobilizzata. Essendo il piede è facile sovraccaricare. Le consiglio di continuare con la fisioterapia. Si rivolga ad un fisioterapista esperto in terapia manuale. Saluti

Stai ancora cercando una risposta? Poni un'altra domanda

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.

  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.

Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.