Indirizzo

Via Massena 77, Torino
CPP - Centro di Psicologia e Psicoterapia (mappa)

Prossima data disponibile.:

Mostra l'agenda
Contanti, Assegno
340 368.....

Seduta di psicoterapia • da 65 €

Sostegno psicologico • 60 €

Consulenza psicologica • 60 € +2 Altro

Primo colloquio • 60 €

Appuntamento standard

Esperienze

Su di me

Mi incuriosisce tutto ciò che riguarda l’umano. Amo profondamente il mio lavoro, lo svolgo da sempre con passione. Ritengo che la psicologia e la psic...

Mostra tutta la descrizione


Formazione

  • Università degli studi di Torino
  • Facoltà di Psicologia
  • Specializzazione in psicoterapia, conseguita presso SPP - Scuola di Psicoterapia Psicoanalitica
Visualizza altre informazioni


Competenze linguistiche

Italiano

Recensioni dei pazienti

Questo dottore non ha ancora ricevuto recensioni da parte dei pazienti su MioDottore. Scrivi la prima recensione!

Scrivi una recensione

Prestazioni e prezzi

Appuntamento standard


Via Massena 77, Torino

Prezzo non disponibile

CPP - Centro di Psicologia e Psicoterapia


Primo colloquio

60 €


Via Massena 77, Torino

60 €

CPP - Centro di Psicologia e Psicoterapia


Seduta di psicoterapia

da 65 €


Via Massena 77, Torino

da 65 €

CPP - Centro di Psicologia e Psicoterapia


Sostegno psicologico

60 €


Via Massena 77, Torino

60 €

CPP - Centro di Psicologia e Psicoterapia


Consulenza psicologica

60 €


Via Massena 77, Torino

60 €

CPP - Centro di Psicologia e Psicoterapia

Risposte ai pazienti

ha risposto a 2 domande da parte di pazienti di MioDottore


  • Domande su Disturbi del sonno

    Buongiorno.. Sono un ragazzo di 27 anni e soffro di problemi del sonno.
    Prima mi capitava saltuariamente e riuscivo a recuperare ore invece mi capita molto spesso dove i quali lo definisco periodo "acuto". Come se il mio corpo non riesce a staccare la spina e quindi conseguente rilassarsi e dormire bene. Vado a letto alle 23 circa e mi ritrovo con mille miglia pensieri in testa come se il cervello mi andasse in iperattività. E poi si concentra sul se riesco a dormire ecc ecc.. Poi dopo un po' mi arrabbio e non so cosa succede. A riesco ad addormentarmi dopo 1 ora. Dormo le mie 4 ore e dopo non riesco più ad riaddormentarmi poiché penso. Controllo il cellulare che ore sono e basta. Qualche volta riesco ad riaddormentarmi ma mi sveglio ogni 2 ore circa fino alle 7.30 l'ora abituale che dovrei svegliarmi. Ora per calmare questa sensazione che mi mette parecchio ansia e sono un tipo molto ansioso per natura, come posso curare questa problematica? In precedenza le mie 7/8 ore riuscivo a farle tranquillamente anche se avevo questi episodi ma di durata massima 1 giorno..

    Buonasera. Lei ha descritto molto bene quello che le accade e in linea molto generale quello che si può dire è che l'insonnia è un segnale che ci indica che qualcosa dentro di noi, per qualche ragione, ci turba. Idem dicasi per l'ansia. Non è possibile, quindi, rispondere direttamente alla sua domanda (ovvero, come poter calmare la sensazione che le mette parecchia ansia) in base agli elementi che lei ha descritto, in quanto prima di tutto occorrerebbe arrivare a cogliere la causa, o le cause, della sua insonnia e della sua ansia. Non potendomi spingere molto oltre, mi limito a fornirle una semplice indicazione: dato che, come lei osservava, questo problema si era presentato anche in passato, sia pure in forma attenuata, potrebbe provare a porsi delle domande su di sè, iniziando per esempio a portare la sua attenzione su eventuali cambiamenti intervenuti nella sua vita di recente (nell'ambito della famiglia o delle relazioni sentimentali, o ancora del lavoro) o su possibili pressioni collegate a delicate decisioni da prendere o su tensioni connesse a probabili mutamenti di ruolo o posizione. Se le pare di rintracciare qualcosa, provi a domandarsi se possano avere avuto un ruolo nell'acuirsi della sua insonnia. Tornando anche alla sua domanda e al verbo che lei ha utilizzato (calmare), mi pare che non sia da trascurare anche il fatto che sembra esserci da parte sua una automatica risposta all'insonnia (e all'ansia che l'accompagna), ovvero il tentativo di governarla e farla scomparire al più presto. Questo da un lato è anche umanamente comprensibile per ovvi motivi, ma dall'altro rischia di innescare una spirale negativa tale da condurre solo ad un peggioramento dell'insonnia stessa, nel momento in cui lei avverte di non riuscire nel suo intento. Cambiando prospettiva, invece, l'insonnia e l'ansia sarebbero da "ascoltare" in quanto potrebbero essere preziosi alleati in grado di spalancare la strada alla comprensione di ciò che le determina.

    Dott. Claudio Michieli

  • Domande su psicoterapia

    Salve, sono una donna di 40 anni, ho un lavoro precario e da sette anni ho una storia con un uomo sposato e molto più grande di me. Sento che la mia vita è insoddisfacente e non so se voglio avere dei figli. Sento che il tempo passa e io sono indietro su tutto rispetto alle mie coetanee con cui non riesco ad avere argomenti in comune dato che loro sono mamme e mogli e vivono un realtá differente dalla mia. Mi faccio queste domande da tempo ma continuo a rimanere sempre nella stessa situazione. Ho giá fatto dei percorsi di psicoterapia senza grandi vantaggi. Volevo sentire un vostro parere in merito.

    Buonasera, nelle sue parole mi pare purtroppo ben percepibile la sua amarezza. In base alle informazioni che ha fornito purtroppo è arduo esprimere un parere in merito a ciò che la condiziona. Mi sembra che si possa ravvisare una certa difficolta nel "fare investimenti". Difficile dire di più. Dal momento che ha già intrapreso in passato alcuni percorsi di psicoterapia, sia pure senza grandi esiti, poterebbe essere utile portare l'attenzione (sempre che non l'abbia già fatto) sulle ragioni specifiche di quelle interruzioni, sui motivi per i quali quelle terapie sono state infruttuose, su ciò che non ha "funzionato" in quei percorsi o nella relazione con le precedenti colleghe o i precedenti colleghi.
    Potrebbe provare a chiedersi anche: "Sento di aver messo a fuoco per davvero ciò che mi impedisce di avere una vita soddisfacente?". Oppure: "In relazione alla mia storia personale, e alla luce di ciò che conosco e ho potuto conoscere di me tramite i precedenti percorsi di psicoterapia, come posso collocare la situazione in cui mi trovo?".
    Un altro possibile spunto di riflessione potrebbe essere questo interrogativo: "So, autenticamente e genuinamente, ciò che voglio davvero per me e per la mia vita? Se sì, ottenerlo e farlo mio che cosa comporterebbe per me? Avverto dentro di me che potrebbe espormi ad un rischio di qualche tipo?".
    Può sembrare una domanda paradossale, mi rendo conto, perché razionalmente non dovrebbe esserci motivo alcuno per temere ciò che contribuirebbe solo a rendere felice la nostra vita, ma noi esseri umani siamo ben poco razionali e capita spesso che le cose dentro di noi siano più complesse di quanto si direbbe.
    Naturalmente sono solo spunti di riflessione e il rischio qui è quello di fare ipotesi prive di un ancoraggio emotivo con il suo mondo interno. Solo un lavoro di terapia potrebbe avere maggiori chances di cogliere ciò che in ultima analisi la porta, come dice lei, a rimanere nella stessa situazione. Non demorda.
    Un cordiale saluto

    CM

    Dott. Claudio Michieli

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.

Esperienze

Su di me

Mi incuriosisce tutto ciò che riguarda l’umano. Amo profondamente il mio lavoro, lo svolgo da sempre con passione. Ritengo che la psicologia e la psic...

Mostra tutta la descrizione


Formazione

  • Università degli studi di Torino
  • Facoltà di Psicologia
  • Specializzazione in psicoterapia, conseguita presso SPP - Scuola di Psicoterapia Psicoanalitica
Visualizza altre informazioni

Specializzazioni

  • Psicoterapia

Tirocini

  • ASL TO5, Consultorio Familare, Nichelino, via Debouchè 8.
  • ASL TO1, Neuropsichiatra infantile, via Negarville 8/48

Certificati



Competenze linguistiche

Italiano

Account dei social media