Esperienze

Su di me

Sono la Dott.ssa Amalia Petrone, psicologa, psicoterapeuta ad Indirizzo Dinamico Individuale e di Gruppo ed Esperta in Sessuologia Clinica individuale...

Mostra tutta la descrizione


Recensioni dei pazienti

Questo dottore non ha ancora ricevuto recensioni da parte dei pazienti su MioDottore. Scrivi la prima recensione!

Scrivi una recensione

Prestazioni e prezzi

Consulenza di coppia

60 €


Via G. Giolitti, 4, Casoria

60 €

Dott.ssa Amalia Petrone


Psicoterapia di gruppo

30 €


Via G. Giolitti, 4, Casoria

30 €

Dott.ssa Amalia Petrone


Primo colloquio psicologico

45 €


Via G. Giolitti, 4, Casoria

45 €

Dott.ssa Amalia Petrone


Colloquio psicoterapeutico

50 €


Via G. Giolitti, 4, Casoria

50 €

Dott.ssa Amalia Petrone


Primo colloquio psicoterapeutico


Via G. Giolitti, 4, Casoria

Prezzo non disponibile

Dott.ssa Amalia Petrone


Psicoterapia per dipendenze


Via G. Giolitti, 4, Casoria

Prezzo non disponibile

Dott.ssa Amalia Petrone


Psicoterapia


Via G. Giolitti, 4, Casoria

Prezzo non disponibile

Dott.ssa Amalia Petrone


Consulenza genitoriale


Via G. Giolitti, 4, Casoria

Prezzo non disponibile

Dott.ssa Amalia Petrone


Colloquio psicologico di coppia


Via G. Giolitti, 4, Casoria

Prezzo non disponibile

Dott.ssa Amalia Petrone


Mindfulness


Via G. Giolitti, 4, Casoria

Prezzo non disponibile

Dott.ssa Amalia Petrone


Sostegno psicologico


Via G. Giolitti, 4, Casoria

Prezzo non disponibile

Dott.ssa Amalia Petrone


Sostegno alla genitorialità


Via G. Giolitti, 4, Casoria

Prezzo non disponibile

Dott.ssa Amalia Petrone


Colloquio psicologico individuale


Via G. Giolitti, 4, Casoria

Prezzo non disponibile

Dott.ssa Amalia Petrone


Psicoterapia di coppia


Via G. Giolitti, 4, Casoria

Prezzo non disponibile

Dott.ssa Amalia Petrone


Psicoterapia della depressione


Via G. Giolitti, 4, Casoria

Prezzo non disponibile

Dott.ssa Amalia Petrone


Seduta di psicoterapia


Via G. Giolitti, 4, Casoria

Prezzo non disponibile

Dott.ssa Amalia Petrone

Recensioni

Nessuna recensione del dottore

Questo dottore non ha ancora ricevuto recensioni da parte dei pazienti su MioDottore. Scrivi la prima recensione!

Scrivi una recensione

Risposte ai pazienti

ha risposto a 1 domande da parte di pazienti di MioDottore


  • Salve, sono in estremo imbarazzo, sono una single 45enne, non molto fortunata col maschile.. Ma scrivo per un problema di carattere sessuali o che io ritengo problema. Sono che le fantasie sono tutte giuste se restano tali, e seppur messe in pratica condivise col partner senza obbligo ma ma ma... Le fantasie trovo che non abbiano bisogno di una tempistica di coppia, cioè io per fare autoerotismo, posso fantasticare ciò che voglio e posso giocare a parole perché sono quasi certa che certe cose non le potrei mai tradurre in pratica, con uno pure se non è il mio partner di vita o da una vita. Vado nello specifico, se pratico autoerotismo leggo o immagino situazioni incestuose dove io non sono abusata ma consenziente con figura paterna che non corrisponde alla vera mia figura paterna, per la quale non ho mai avuto pulsione. E poi fantasie perversioni o ditelo voi come chiamarle, che una volta fatte o condivise verbalmente, mi fanno sentire malata e scappo dalla persona che le ha condivise e che non le tradurrebbe, tanto quanto me in realtà o perlomeno così mi fa credere. Tipo praticare il pissing e anche un altro come dire..bisogno fisiologico, addosso al partner. Ovvio che se esistessero solo 2 ruoli io non sarei mai dominabile ma dominante, ma neppure più di tanto, perché poi resta tutto molto mentale. Immaginarmi a fare la padrona mi fa pure sorridere perché non mi sento. Ma ecco che.. Conosco uno da qualche giorno, magari non lo vedrò mai, magari un giorno, ma da single se voglio fare sesso al tel, mi sento in diritto di farlo.. E in modo molto casuale ho captato che lui ama essere dominato (per davvero o per gioco mentale non lo so) tramite le suddette perversioni e nell'agirle verbalmente provo fortissima eccitazione. Solo che poi mi viene da scappare, da sentirmi non giusta, dal voler ripetere il gioco dal vivo, ma poi temendo di sentirmi malata. Non so più come definire tutto ciò...perche tali perversioni? Perché non mi concedo verbalmente e mi giudico pesantemente? Dove sta il problema. Pure ad uno psicologo, donna o uomo, non riuscirei a dire tali cose. Linda

    Dentro di noi c'è un mondo vasto e sconfinato che attende solo di essere conosciuto. Tutte le volte che ci chiudiamo a tale conoscenza indirettamente stiamo rinunciando ad un aspetto della nostra verità, che sembra avere le connotazioni più "inaccettabili" ma che in realtà e' la chiara espressione di ciò che profondamente sentiamo e abbiamo elaborato personalmente. Scrivere qui e' già una grande apertura,quando si sentirà più tranquilla e avrà voglia di integrare tutto quello che racconta,potrà trovare un valido ascolto e uno spazio di elaborazione.

    Dott.ssa Amalia Petrone

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.

Esperienze

Su di me

Sono la Dott.ssa Amalia Petrone, psicologa, psicoterapeuta ad Indirizzo Dinamico Individuale e di Gruppo ed Esperta in Sessuologia Clinica individuale...

Mostra tutta la descrizione


Specializzazioni

  • Sessuologia
  • Psicoterapia
  • Psicologia Clinica