Indirizzo

Via del Carmine, 1, Vigevano
Studio di Psicologia

Prossima data disponibile.:

Mostra l'agenda
Presso questo indirizzo visito: adulti
Contanti, Bonifico
338 762.....


Esperienze

Su di me

Il mio lavoro consiste nel far stare meglio la persona che ho davanti e aiutarla a superare un momento difficile e di disagio. Lavoro principalmente c...

Mostra tutta la descrizione

Patologie trattate

  • Ansia
  • Stress
  • Depressione
Mostra tutte le patologie

Formazione

  • Laurea Magistrale presso Università degli Studi di Pavia
  • Master in Consulenza Sessuologica presso Associazione Italiana Psicologi (ASP) di Milano

Foto


Competenze linguistiche

Italiano

Prestazioni e prezzi

Colloquio psicologico


Via del Carmine, 1, Vigevano

60 €

Studio di Psicologia


Colloquio via Skype


Via del Carmine, 1, Vigevano

50 €

Studio di Psicologia

Ricevo su Skype previo appuntamento preso telefonicamente


Consulenza Sessuologica


Via del Carmine, 1, Vigevano

Scopri di più

Studio di Psicologia


Consulenza sessuologica di coppia


Via del Carmine, 1, Vigevano

Scopri di più

Studio di Psicologia


Trattamento dello stress


Via del Carmine, 1, Vigevano

Scopri di più

Studio di Psicologia

Recensioni dei pazienti

5

Punteggio generale
2 recensioni

  • Puntualità
  • Attenzione
  • Struttura e attrezzature
A
Presso: Altro Altro

Giovane professionista, preparata, disponibile e competente. Riesce a metterti da subito a tuo agio.


G
Presso: Studio di Psicologia colloquio psicologico

Persona cordiale e attenta. Mi ha fatto sentire a mio agio dal primo momento dell'incontro
Consiglio


Si è verificato un errore, riprova

Risposte ai pazienti

ha risposto a 14 domande da parte di pazienti di MioDottore


  • Buongiorno. Ieri sera ero con la mia ragazza ed abbiamo cominciato a fare sesso, non usando però sin da subito il preservativo. Appena spogliati, io ho cominciato la penetrazione senza preservativo entrando solamente quattro volte (tutto sarà durato meno di 10 secondi) e dopo la quarta volta sono uscito e ho percepito una sensazione di piacere che cresceva un poco alla volta e poi ho sentito un piccolo colpo di piacere finale (quest'ultimo sono sicuro di averlo percepito dopo aver già estratto il pene) e mi sono un po' spaventato perché non mi sono reso conto se la sensazione crescente l'ho avuta mentre ero ancora dentro di lei o quando ero già fuori. Quello di cui sono sicuro è che la sensazione che ho provato era sicuramente meno forte di quella che si sente quando si capisce di stare per venire, per cui sono sicuro che a venire non sono venuto ma ho paura che possa essere uscita qualche gocciolina. Vorrei qualche parere da qualcuno che ne sa più di me, grazie!

    Buongiorno e buon anno. Al di là del numero di volte o del tempo della prima penetrazione, il liquido pre-eiaculatorio può contenere, anche in piccole quantità, degli spermatozoi e correte quindi il rischio di una gravidanza indesiderata. Per evitare una gravidanza il preservativo va usato sempre fin dall'inizio della penetrazione. Per sicurezza, la sua ragazza dovrebbe assumere la pillola del giorno dopo che, se maggiorenne, può acquistare in farmacia senza obbligo di ricetta.

    Saluti

    Dott.ssa Alice Maffeo

    Dott.ssa Alice Maffeo

  • Dieci anni fa ho sofferto di forti attacchi d'ansia,praticamente continui,giorno e soprattutto notte. Premetto che sono affetta da Tiroidite di Hashimoto. Questo accadeva nel periodo della pre- menopausa, è durato cinque anni e la psichiatria mi aveva prescritto dose minima giornaliera di Zoloft e En al bisogno. Nessun beneficio,anzi peggioravo sempre più, dopo tre anni ho deciso di eliminare lo Zoloft che a mio parere mi faceva avere anche pensieri suicidi,proprio io che adoro la vits. Pian piano ne sono uscita. Ora sono da due anni in menopausa e improvvisamente il problema è ricomparso. Vertigini, tremori, difficoltà a respirare e come metto la tests sul cuscino per dormire, formicolio in testa e respiro con difficoltà,inutile dire che se non prendo l'En non chiudo occhio. Mi sembra di essere punto e a capo....non voglio imbottitirmi di psicofarmaci, cosa posso fare e a chi posso rivolgermi?

    Buongiorno, molto spesso il farmaco ci permette di "addormentare" i sintomi ma ciò che li causa rimane in sottofondo e, come è capitato a lei, i sintomi possono tornare in momenti di difficoltà. Capisco la frustrazione di essersi ritrovata "punto e a capo" ma è possibile uscirne, affiancando ai farmaci una terapia con uno psicologo/psicoterapeuta. Anche le tecniche di rilassamento come il training autogeno, sono molto utili in situazioni come le sue.
    In bocca al lupo

    Saluti

    Dott.ssa Alice Maffeo

    Dott.ssa Alice Maffeo

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.

Esperienze

Su di me

Il mio lavoro consiste nel far stare meglio la persona che ho davanti e aiutarla a superare un momento difficile e di disagio. Lavoro principalmente c...

Mostra tutta la descrizione

Patologie trattate

  • Ansia
  • Stress
  • Depressione
Mostra tutte le patologie

Formazione

  • Laurea Magistrale presso Università degli Studi di Pavia
  • Master in Consulenza Sessuologica presso Associazione Italiana Psicologi (ASP) di Milano

Specializzazioni

  • Psicologia Clinica
  • Sessuologia
  • Neuropsicologia

Tirocini

  • Consultorio Familiare di Vigevano (ASST)
  • Cooperativa Kore Vigevano

Certificati


Foto


Competenze linguistiche

Italiano

Account dei social media